numero gratuito da telefoni fissi e cellulari
800.600.881

Qual è il limite massimo di tempo per richiedere il risarcimento del danno subìto per errore sanitario?

La responsabilità delle strutture sanitarie (pubbliche e private) nonché quella del medico, può essere di natura contrattuale ed extracontrattuale. Nel primo caso il diritto al risarcimento si prescrive dopo 10 anni dall’evento. Nel secondo caso la prescrizione avviene dopo 5 anni dal verificarsi del danno.

Chi può richiedere il risarcimento in caso di errore medico ?

Ha diritto al risarcimento del danno il paziente danneggiato e, in determinati casi, i suoi familiari e il convivente.

Cosa è il Consenso Informato?

È l’autorizzazione data dal paziente al sanitario a praticare le cure mediche cui deve essere sottoposto il paziente stesso. Affinché il Consenso sia validamente prestato, è necessario che sia “Informato”, cioè espresso consapevolmente a seguito di una informazione completa riguardante i benefici, gli effetti negativi della terapia o dell’intervento, le controindicazioni, le alternative terapeutiche.
Il consenso informato deve essere espresso per iscritto.

Cosa è la Cartella Clinica e a chi va richiesta?

La Cartella Clinica Ospedaliera è un atto pubblico di fede privilegiata, dotata di valore probatorio contrastabile solo con querela di falso. La Cartella Clinica rappresenta una costante certificazione di ciò che si rileva e ciò che si fa durante il ricovero (anche di poche ore) presso una struttura sanitaria.
Il paziente ha diritto ad aver copia della Cartella Clinica facendone semplice richiesta alla struttura sanitaria presso la quale è stato ricoverato.

Per la pratica risarcitoria occorre versare acconti o anticipi per le spese?

Per la gestione della pratica non viene richiesto alcun acconto e tutte le spese, mediche e legali, saranno anticipate da ADRS.

Se non si ottiene il risarcimento si deve pagare ADRS e i professionisti che hanno curato la pratica?

In caso di esito negativo della pratica le spese anticipate, mediche e legali, restano a carico di ADRS e non saranno in alcun modo richieste in restituzione.